Notizie

La Dichiarazione dei Ministri dell'Industria, della Tecnologia e del Digitale


La Dichiarazione Ministeriale è il risultato di un percorso di collaborazione e confronto tra i membri del G7 le cui basi erano state poste, in particolar modo, durante l'ultima Presidenza del Giappone.

Il testo adottato rappresenta un importante passo a livello internazionale per una riflessione sulle modalità di utilizzo dell'Intelligenza Artificiale nel settore pubblico che deve essere etico e responsabile, preservando la privacy, la sicurezza dei dati personali e l'equità nei processi decisionali automatizzati. Inoltre, la Dichiarazione individua come priorità dei Paesi G7 il governo digitale e lo sviluppo di sistemi e servizi pubblici digitali incentrati sull'uomo, sicuri ed efficienti con l'obiettivo di semplificare la vita dei...Continua

Pubblicato il: 05/04/2024

Spazio europeo dei dati sanitari


Il Consiglio dell'UE e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo, che dovrà essere approvato da entrambe le parti, su un nuovo regolamento che renderà più semplice scambiare dati sanitari e accedervi a livello dell'UE.

Il regolamento proposto sullo spazio europeo dei dati sanitari (EHDS) mira a migliorare l'accesso delle persone ai propri dati sanitari elettronici e il loro controllo su tali dati, consentendo al tempo stesso il riutilizzo di taluni dati per motivi di interesse pubblico, a sostegno delle politiche e a fini di ricerca scientifica. Prevede un ambiente di dati specifico per la salute che contribuirà a promuovere un mercato unico per i servizi e...Continua

Pubblicato il: 05/04/2024

#ElezioniEuropee2024: esercitiamo il nostro diritto di voto

Le prossime elezioni europee, previste nel giugno 2024, rinnoveranno uno straordinario (e unico) esercizio di democrazia e volontà popolare sul piano sovranazionale. Indetto per la prima volta nel 1979, e convocato con cadenza quinquennale, il voto europeo determina la composizione di una istituzione che, nel tempo, ha acquisito sempre maggiori poteri e competenze, diventando cruciale in molti settori del decision-making process dell’Unione europea. I settantasei europarlamentari che gli italiani eleggeranno (su un totale di 705) saranno chiamati, nel corso della legislatura 2024-2029, a svolgere un compito fondamentale, co-legiferando – insieme ai rappresentanti delle altre istituzioni dell’Unione – su questioni che avranno un impatto sulla vita dei cittadini. È quindi importante che tutti esercitino...Continua

Pubblicato il: 05/04/2024

La Dichiarazione di Trento sull'Intelligenza Artificiale


La Dichiarazione di Trento sull'Intelligenza Artificiale, emersa dall'evento "Hiroshima AI Process: The Way Ahead", evidenzia il riconoscimento collettivo delle istituzioni, organizzazioni, sviluppatori, implementatori e utenti di IA del loro ruolo nello sviluppo responsabile e inclusivo dell'intelligenza artificiale. Questi attori si impegnano a democratizzare l'accesso alla tecnologia per garantire che il digitale sia un'opportunità di sviluppo globale e inclusiva.

La dichiarazione sottolinea l'importanza dell'adozione dell'IA, specialmente tra le PMI e il settore pubblico, e promuove la collaborazione tra governi e organizzazioni private basata su valori condivisi di trasparenza e responsabilità. Viene riconosciuta l'essenzialità di un approccio collaborativo per lo sviluppo e la distribuzione etici dell'IA e si accoglie...Continua

Pubblicato il: 28/03/2024

Intelligenza artificiale: il Garante privacy scrive a Parlamento e Governo Necessario individuare Autorità di vigilanza indipendenti e imparziali


Il Garante per la protezione dei dati personali possiede i requisiti di competenza e indipendenza necessari per attuare il Regolamento europeo sull'intelligenza artificiale coerentemente con l'obiettivo di un livello elevato di tutela dei diritti fondamentali. È quanto scrive il Presidente, Pasquale Stanzione, in una segnalazione inviata nei giorni scorsi ai Presidenti di Senato e Camera e al Presidente del Consiglio.

La recente approvazione dell'AI Act da parte del Parlamento europeo – spiega il Presidente dell'Autorità – “impone agli Stati membri alcune scelte essenziali sulle norme di adeguamento degli ordinamenti interni”.

L'incidenza dell'IA sui diritti suggerisce di attribuirne la competenza ad Autorità caratterizzate da requisiti d'indipendenza...Continua

Pubblicato il: 28/03/2024

PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020


Si è concluso il programma PON Governance e Capacità Istituzionale FSE FESR 2014-2020 con un incontro nella quale è stata rappresentata l'ampio raggio d'azione del Programma grazie anche al contributo dell'Unione europea che ha dedicato un preciso obiettivo di investimento al rafforzamento della capacità istituzionale e amministrativa. 

Sono state illustrate alcune delle iniziative finanziate per rendere la Pubblica Amministrazione più efficace, rapida, innovativa e semplice:
-iniziative a supporto delle PA del territorio, delle aree metropolitane a quelle medie per arrivare fino ai piccoli Comuni e alle aree interne;
- iniziative per rendere le PA più digitali, preparandole anche a sperimentare le nuove opportunità offerte dall'intelligenza artificiale;
-...Continua

Pubblicato il: 28/03/2024

Intelligenza artificiale: il Parlamento europeo approva la legge


Il 13 marzo 2024 il Parlamento ha approvato la legge sull'intelligenza artificiale (IA) che garantisce sicurezza e rispetto dei diritti fondamentali e promuove l'innovazione.

L'obiettivo è di proteggere i diritti fondamentali, la democrazia, lo Stato di diritto e la sostenibilità ambientale dai sistemi di IA ad alto rischio, promuovendo nel contempo l'innovazione e assicurando all'Europa un ruolo guida nel settore. Il regolamento stabilisce obblighi per l'IA sulla base dei possibili rischi e del livello d'impatto.

Le nuove norme mettono fuori legge alcune applicazioni di IA che minacciano i diritti dei cittadini. Tra queste, i sistemi di categorizzazione biometrica basati su caratteristiche sensibili e l'estrapolazione indiscriminata di...Continua

Pubblicato il: 28/03/2024

Le Case delle Tecnologie Emergenti


Le Case delle Tecnologie Emergenti (CTE) costituiscono dei centri di ricerca, sperimentazione e trasferimento tecnologico che perseguono progetti orientati all'impiego delle tecnologie emergenti a supporto delle reti di nuova generazione. Ciascuna CTE è supportata da un partenariato composto dal Comune di riferimento (capofila), enti di ricerca pubblici e privati e partner industriali.

L'obiettivo è quello di proporre e sviluppare soluzioni innovative applicabili in realtà quali start-up e PMI, promuovendo l'avanzamento tecnologico delle piccole e medie realtà imprenditoriali su tutto il territorio nazionale

Fonte: https://portalecte.mimit.gov.it/...Continua

Pubblicato il: 28/03/2024